La Storia

asta_del_barbera_6Fondato nel 1946 da 7 aziende, l’allora Consorzio per la difesa dei vini tipici Barbera d’Asti e Freisa d’Asti nasce con l’obiettivo di garantire la genuinità e la diffusione di queste produzioni sui mercati nazionali ed esteri, per il tramite di appositi marchi distintivi.

Il costante supporto offerto alle aziende associate, oggi in numero superiore alle duecento, unito ai poteri assegnatigli dalla legge, ha consentito al Consorzio, nel frattempo ribattezzato dei vini d’Asti e del Monferrato, di contribuire in modo determinante allo sviluppo dell’intero territorio circostante.

Oggi il Consorzio Barbera d’Asti e vini del Monferrato rappresenta il punto di riferimento di una filiera quotidianamente impegnata a preservare il proprio ambiente ed innalzare la qualità delle produzioni.

Il Consorzio in numeri:

  • 240 aziende associate;
  • 9 Denominazioni tutelate:
    • 2 Docg: Barbera d’Asti e Ruché di Castagnole Monferrato;
    • 7 Doc: Albugnano, Cortese dell’Alto Monferrato, Dolcetto d’Asti, Freisa d’Asti, Malvasia di Castelnuovo Don Bosco, Monferrato, Piemonte.
  • 4 Denominazioni sottoposte a funzioni Erga Omnes: Barbera d’Asti, Freisa d’Asti, Dolcetto d’Asti e Cortese dell’Alto Monferrato.