Malvasia di Castelnuovo don Bosco doc

Note Generali

In una piccola area, sulle colline astigiane affacciate versa la provincia di Torino, si coltiva la Malvasia di Schierano o Malvasia a “grappolo corto”, uva a bacca nera aromatica, che dà origine ad un gradevolissimo vino dolce, frizzante o spumante, la Malvasia di Castelnuovo don Bosco. Il vino prende il nome da uno dei sei comuni della zona di produzione, Castelnuovo don Bosco: qui nacque San Giovanni Bosco, il più famoso santo italiano dopo Padre Pio, ora centro spirituale dei Padri Salesiani e meta di pellegrinaggi.

Scheda Tecnica

Zona di produzione:
l’intero territorio dei comuni astigiani di Albugnano, Castelnuovo don Bosco, Passerano Marmorito, Pino d’Asti, Berzano e Moncucco;

Uve:
Malvasia di Schierano e/o Malvasia nera lunga dall’85 al 100% (Freisa fino ad un massimo del 15%);

Titolo alcolometrico volumico minimo naturale delle uve:
minimo 10% vol

Rese produttive: 
massimo 110 quintali corrispondenti a 77 ettolitri ad ettaro;

Caratteristiche dei vini al consumo

Titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 10,5% vol. (di cui svolto almeno 5,5% e comunque non superiore a 7% vol.);

Titolo alcolometrico volumico minimo complessivo per la tipologia Spumante: 11,0%(di cui svolto almeno 6% e comunque non superiore a 7% vol.);

Acidità totale minima: 5‰;
Estratto secco netto minimo: 14‰.

Di colore rosso cerasuolo con aroma tipico che ricorda la rosa canina e sentori di frutti rossi; dolce, frizzante o spumante, si completa nel finale con armoniche note aromatiche ed un delicato tannino.

Si apprezza con fragole e macedonie, dolci a base di frutta, pasticceria secca, gelati e sorbetti.

Gastronomia

Il vitigno Malvasia di Schierano

La Malvasia di Schierano è originaria ed è ampiamente coltivata sulle colline astigiane ai margini della provincia di Torino (Schierano, Castelnuovo don Bosco, Pino, ecc.).

La foglia adulta si presenta medio-piccola, pentagonale a cinque lobi. Il lembo è di colore verde chiaro, piano con margini unpo’ revoluti, superficie finemente bollosa e nervature talora rosate alla base. Talvolta i bordi esterni della foglia, anche in seguito a puntute di insetti (cicaline), si colorano di un rosso molto vivace. Il grappolo a maturità è medio-piccolo, non compatto, conico con ali poco sviluppate e con peduncolo medio-lungo di colore verde sfumato di giallo e di rosso. L’acino è medio-grande di colore blu violetto.

Germogliamento: medio-precoce (prima decade di aprile).
Maturazione dell’uva: medio-precoce o media epoca (terza decade di settembre).

È un vitigno che presenta vigoria e produzioni medie. La forma di allevamento  preferibile è la controspalliera con potatura mista di tipo Guyot con un solo capo a frutto anche se tradizionalmente, nell’area di coltura se ne lasciano spesso due. La Malvasia di Schierano si dimostra poco suscettibile all’oidio e alla muffa del grappolo ma meno tollerante alla peronospora. Le sue uve danno un vino dolce e aromatico, dotato di un buon colore e di un profumo fine ed intenso.

Il vitigno Malvasia Nera Lunga

La Malvasia nera lunga è coltivata in purezza o frammista alla Malvasia di Schierano principalmente nei comuni di Albugnano, Berzano, Castelnuovo Don Bosco, Moncucco, Passerano Marmorito e Pino d’Asti; è sporadicamente presente anche in altre zone della provincia di Asti,Alessandria e Torino.

La foglia adulta è di media grandezza, cuneiforme, trilobata (più raramente quinquelobata); lembo piano o con bordi un po’ involuti, mediamente spesso, superficie liscia o finemente bollosa, di colore verde scuro; denti mediamente pronunciati, a base media e margini rettilinei o appena convessi. Pagina superiore e inferiore glabra; picciolo sottile, verde chiaro talora sfumato di rosa, glabro.

Il grappolo a maturità è di media grandezza o medio-grande, cilindrico allungato, generalmente con 1 o 2 ali talora ben sviluppate, mediamente spargolo; peduncolo di media lunghezza, erbaceo, verde chiaro; rachide verde. L’ Acino è di media grandezza, sferoidale.

Germogliamento: precoce (poco dopo il Brachetto d’Acqui, contemporaneo all’Arneis).

Fioritura: media epoca.

Invaiatura: precoce o medio-precoce (inizia precocemente ed è generalmente conclusa alla metà di agosto).

Maturazione dell’uva: medio-precoce (nella seconda decade di settembre); occorre non dilazionare eccessivamente la data di raccolta pena l’abbattimento dell’energia acida del mosto.

Comparso intorno al secondo dopoguerra, questo vitigno ha affiancato negli ultimi decenni la Malvasia di Schierano nella tipica area di coltura e non di rado vi è stato preferito per la produttività più abbondante e costante, oltre che per la buona resistenza della vegetazione a crittogame e insetti parassiti. Rispetto alla Malvasia di Schierano, la Malvasia nera lunga presenta vigore più contenuto e maggiore fertilità. Ha un ciclo vegeto-produttivo più precoce e pertanto matura almeno una settimana prima della Malvasia di Schierano.

Zona di Produzione

Curiosità

Malvasia di Castelnuovo don Bosco. È nota come Malvasia rosa in alcune zone della provincia di Alessandria. Non va confusa con il vitigno ad uva nera aromatica e grappolo allungato coltivato nel medesimo areale; proprio per distinguerla da questa cultivar, la Malvasia di Schierano è chiamata Malvasia (a grappolo) corto.

Andamento produzioni

Malvasia di Castelnuovo Don Bosco – Produzioni
VendemmiaSuperfici rivendicate (ettari)Produzione vino (ettolitri)
Fonte dati: CCIAA di Asti, Valoritalia e e Regione Piemonte
Elaborazione dati: Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato
2000764.225
2001744.616
2002663.495
2003633.100
2004634.084
2005704.363
2006694.289
2007654.086
2008653.646
2009674.247
2010654.277
2011624.220
2012562.201
2013602.841
2014614.120
2015593.884
2016593.563
2017563.073
Malvasia di Castelnuovo Don Bosco – Imbottigliato
ANNO SOLAREEttolitriN° bottiglie (rapportate alla capacità 0,75 litri)
Fonte dati: Valoritalia
Elaborazione dati Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato
20093.603480.364
20103.566475.474
20112.882384.215
20122.974396.539
20133.579477.251
20143.294439.142
20153.476463.518
20163.031404.191
20172.039271.957

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.